Le richieste per autori e lettori, di recensioni sono momentaneamente sospese.
Resto comunque a disposizione per richieste di affiliazioni o collaborazioni con blogger, case editrici e agenzie letterarie!

venerdì 18 maggio 2018

Recensione «Non ho tempo per amarti» di Anna Premoli


"(...) oggi, se anche incontrassi un uomo capace di solleticare il mio interesse, sarei molto meno propensa a lasciarmi andare. Alla mia età pretendo qualche rassicurazione in più prima di spiccare il volo. Sempre che debba volare per forza: magari un treno, al posto di un aereo, a questo giro potrebbe essere un'idea più saggia." 


Buongiorno cuori librosi!
Quest'oggi vi propongo un nuovo romanzo, di una delle mie autrici comedy romance preferite (come molte di voi sapranno)!
Accidenti... Ho bruciato il mio record! Un giorno e mezzo per leggere un romanzo e, a distanza di pochi giorni, una recensione dietro l'altra. No, non ho ingoiato nessun turbo. Solamente un po' di tempo libero, e puro e semplice entusiasmo nel leggere qualcosa di stuzzicante e piacevole.
Ma veniamo al nostro romanzo. Quest'oggi vi recensisco Non ho tempo per amarti di Anna Premoli.
Qui in basso vi espongo come sempre i dettagli, dopodiché partirò col darvi una notizia molto curiosa riguardo la storia di questo libro...

Titolo: Non ho tempo per amarti
Data di pubblicazione: Gennaio 2018
Autrice: Anna Premoli
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Genere: Comedy Romance, New Adult
Prezzo di copertina: € 10,00
Disponibile anche in eBook: € 5,99

TRAMA
Julie Morgan scrive romanzi d'amore ambientati nell'Ottocento. Di quell'epoca ama qualsiasi cosa: i vestiti lunghi, gli uomini eleganti, le storie romantiche che nascono grazie a un gioco di sguardi o al semplice sfiorarsi delle mani...
L'unica cosa che salva del mondo di oggi è lo shopping online, che le permette di non mettere il naso fuori dal suo amatissimo e solitamente silenzioso appartamento. Almeno finché - proprio al piano di sopra - non arriva un misterioso inquilino: un ragazzo strano, molto giovane e vestito in un modo che a Julie fa storcere il naso.
È davvero un bene che lei sia da sempre alla ricerca di un uomo d'altri tempi, perché il suo vicino, decisamente troppo moderno, potrebbe rivelarsi ben più simpatico di quanto avrebbe mai potuto sospettare...

L'AUTRICE
Anna Premoli è nata nel 1980 in Croazia e vive a Milano, dove si è laureata alla Bocconi.
Ha lavorato alla J.P. Morgan nell'Asset Management e per un lungo periodo in ambito Private Banking per una banca privata, prima di accettare una nuova sfida nel campo degli investimenti finanziari per una holding di partecipazioni.
La scrittura è arrivata per caso, come "metodo antistress" durante la prima gravidanza.
Ti prego lasciati odiare è stato il libro fenomeno del 2013: è stato per mesi ai primi posti nella classifica, i diritti cinematografici sono stati opzionati dalla Colorado Film e ha vinto il Premio Bancarella.
I suoi romanzi sono stati tradotti in diversi Paesi. Con la Newton Compton ha pubblicato anche Come inciampare nel principe azzurro; Finché amore non ci separi; Tutti i difetti che amo di te; Un giorno perfetto per innamorarsi; L'amore non è mai una cosa semplice; È sono una storia d'amore; L'importanza di chiamarti amore e Un imprevisto chiamato amore.

LA MIA RECENSIONE
Innanzi tutto, va detto: sono rimasta piacevolmente colpita quando ho scoperto che questo romanzo non racconta altro che la storia Julie: ossia una delle amiche di Laurel, protagonista di un altro romanzo della stessa autrice di cui potrete trovare la mia recensione cliccando QUI, e che in poche parole diventa come una "specie" di seguito, anche se ovviamente la storia sarà concentrata su quella di Julie.
Avessi letto questo romanzo subito dopo aver letto quello con Laurel come protagonista, me ne sarei accorta subito. Ma essendo passati dei mesi, ammetto di essermene accorta solamente verso la fine quando viene tirato in ballo Aidan (ora divenuto suo marito) utilizzando un soprannome che sarebbe impossibile dimenticare per chiunque abbia letto il precedente romanzo xD.

Ma torniamo al nostro romanzo in questione. Partendo dal titolo, obiettivamente ho trovato che non si adattasse quasi per niente al romanzo, ma questo solo una volta letto. In quanto è piuttosto l'età il fulcro di tutti i problemi che si manifestano all'interno della storia, e non un fattore di "tempo". È altresì vero che la parola tempo in questo caso forse sta per l'età, ma ne converrete con me che il significato in tal caso risulterebbe abbastanza ambiguo e poco chiaro.
Ad ogni modo, ho iniziato questo romanzo con ben poche aspettative, specialmente quando ho capito che la storia stesse narrando di una protagonista trentaseienne che con ogni probabilità avrebbe iniziato a provare dei sentimenti per un ragazzo di venticinque anni. Personalmente non sono per questo genere di storie, nessuno me ne voglia male xD. Ebbene sì, sono il tipo di persona che preferisce il contrario.
Ma devo ammettere che proprio grazie alla lettura di questo romanzo ho potuto scavare a fondo in questo tipo di relazione, che effettivamente a molti potrà sembrare strana, al punto da mutare effettivamente ogni preconcetto che avevo all'inizio.

Julie è una donna davvero adorabile, e nonostante le sue paranoie legate all'età si rivela un personaggio piuttosto giovanile e decisamente simpatico. Una scrittrice follemente innamorata del periodo Regency inglese, unita ad una folle passione per i colori pastello e gli unicorni. Dal look sempre stravagante e assolutamente molto poco formale e probabilmente inadatto ad una donna della sua età, ma che invece la fa risultare più ironica e vivace. Sempre con la battuta pronta. Ama la calma e la tranquillità, in particolare quando sta scrivendo le sue storie, e per questo motivo ha fatto di tutto per trasferirsi in un condominio che avesse queste qualità.
Mai avrebbe potuto immaginare che sopra al suo appartamento, un bel giorno arrivasse un inquilino piuttosto strano e parecchio turbolento...
L'inquilino in questione è Terrence, un ragazzo di venticinque anni (come già vi ho anticipato prima), occhi azzurri e sguardo calamitico, il quale resta parecchio sorpreso quando Julie gli si rivolge come nulla fosse per chiedergli di fare meno chiasso. Quasi fosse scioccato che lei non avesse la benché minima idea di chi avesse di fronte.
Sicuramente ve lo starete chiedendo anche voi... e la risposta è semplice: perché Terrence non è un venticinquenne qualunque, ma un affascinante rockstar del momento; celebre tra le ragazzine, dal forte accento inglese (che a Julie piace tanto), cantante e chitarrista di un gruppo chiamato Alien Temptation. Simpatico, gentile, premuroso, ma anche parecchio malizioso. Dal look eccentrico e rockettaro composto da vestiti quasi sempre strappati o bucati, e capelli bicolore (biondi e neri).
Chiaramente Julie viene a scoprire del suo status di celebrità solamente in seguito, restando parecchio scioccata. Ma in quanto avanti con l'età, non riesce proprio a vederlo né come uomo, né come chissà quale celebrità in voga, anche perché della modernità Julie non ha per nulla interesse, men che meno del generi musicali moderni.
Ecco che i due entreranno subito in sintonia, diventando carissimi amici nonché vicini di casa.
Ma davvero il loro rapporto potrà considerarsi solo d'amicizia? Dopotutto, un ragazzo così giovane cosa potrà mai trovarci in una donna di undici anni più grande? Senza contare che agli occhi di Julie, benché Terrence sia assolutamente sexy e attraente, è e resterà sempre un ragazzino.

Non credevo che lo avrei mai detto, ma chiaramente ho apprezzato anche questo racconto della Premoli. Prima d'ora non mi sarei mai e poi mai sognata di cimentarmi in una tipologia di storia di questo genere, perché semplicemente lo trovavo parecchio strano. E invece, come già vi ho detto, mi sono dovuta ricredere.

Assolutamente piacevoli nonché divertenti, sono i comici scambi di battute tra Julie e Terrence, ma anche tra Julie e le sue amiche (Laurel tra queste), con le quali abbiamo spesso a che fare nel corso della storia, in quanto sue principali confidenti che l'aiuteranno man mano a far chiarezza dentro di sé e con i suoi sentimenti.
Anche perché Julie presto si troverà davanti ad un bivio e dovrà prendere una decisione nei confronti di Terrence.
Non vi dirò quale sarà alla fine la sua decisione, logicamente. Perciò mi auguro che vorrete scoprirlo da voi ;"D

Impossibile poi non trovare adorabile l'anziana inquilina, che abita sullo stesso pianerottolo di Julie. La signorina Berry. Assolutamente detestabile all'inizio, ma che si rivelerà tutt'altro successivamente.
Io l'ho seriamente trovata adorabile!

Per chi avesse letto "È solo una storia d'amore", il romanzo in cui la protagonista è Lurel, conoscerà sicuramente Norman, l'agente letterario suo e di Julie. Bene, perché Norman (sotto invito di Laurel) rifarà la sua comparsa anche qui, ma in qualità di "accompagnatore" per Julie; decisa a trovarsi un uomo di un'età più adatta a lei...

Personalmente ho invece trovato insopportabili la madre e la sorella gemella di Julie. La prima perché sempre pronta ad impicciarsi con anche qualche parola di troppo, e la seconda per essere troppo precipitosa con i giudizi e le critiche.

Non aggiungerò nient'altro se non che come sempre i romanzi della Premoli si leggono in modo abbastanza scorrevole e veloce. Adoro il linguaggio e il tono che quest'autrice utilizza e che sa accompagnare il lettore capitolo per capitolo riuscendo perfettamente ad esporre sentimenti e sensazioni provate dalla protagonista.
Assolutamente consigliato a chi è in cerca di una storia tra due personaggi così simili, ma così diversi allo stesso tempo. Una storia un po' fuori dagli schemi, ma comunque ricca di passione e di sentimenti che sanno decisamente far riflettere e battere il cuore.

LA COVER
Delicata, simpatica e sa trasmettere perfettamente il senso di quiete tanto amato dalla protagonista. Il gattino poi è un chiaro rimando al tenero animale domestico della signorina Berry...

VOTO CONCLUSIVO


PASSION RATE

Passate qui per conoscere il rating dettagliato: Passion rate: simbologia e significato vi basterà scorrere fino a metà post.

Come sempre spero che la mia recensione vi sia piaciuta e di aver suscitato almeno un po' il vostro interesse a leggere questo libro.
Aspetto i vostri commenti, in particolar modo se anche voi avete già letto questo romanzo; cosa ne pensate?
Vi saluto e vi aspetto alla prossima!

--Nocturnia--




3 commenti:

  1. Che carino....non vedo l'ora di leggerlo anch'io :D
    Bella recensione cara :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti abbia incuriosito! *___*
      Come sempre sono io che ringrazio te, per i tuoi complimenti e perché mi segui sempre! Ti ringrazio tanto ♥

      Elimina